Con la firma della convenzione tra il Comune e il Monastero S. Volto Ăš stata data attuazione al progetto “Condominio solidale”, approntato dall’Amministrazione a favore delle fasce deboli della popolazione e per contrastare il fenomeno di “vulnerabilitĂ  sociale” che negli ultimi anni sta interessando molti nuclei familiari ma anche persone sole.
“Con il “Condominio solidale” – dichiarano il sindaco Francesco Mastromauro e il vice Gabriele Filipponi, delegato alle Politiche della casa – Verranno messe a disposizione del Comune, all’interno del monastero benedettino di via Gramsci, tre stanze con 9 posti letto complessivi, e servizi igienici relativi, da destinare a piccoli nuclei familiari o a persone sole che versino in stato di disagio sociale, economico ed abitativo, assistiti dal nostri Servizi sociali. Il “Condominio solidale” chiaramente non sostituisce i servizi di accoglienza che il Comune assicura direttamente; piuttosto Ăš un’alternativa agli interventi temporanei di emergenza abitativa”.
I beneficiari, ai quali verranno messi a disposizione anche lenzuola e coperte, saranno individuati sulla scorta delle richieste di ammissione. Possono fare richiesta le persone sole, madri o padri con uno o due minori a carico (massimo 3 persone), anziani e disabili in situazione di precarietà economica, residenti a Giulianova e il cui reddito I. S .E. E. (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) anno 2013 (redditi 2012), non sia superiore a € 6.500. Le richieste di ammissione sono valutate sulla base dei seguenti elementi:
Situazione reddituale deducibile dall’ultima dichiarazione ISEE anno 2013 con redditi riferiti all’anno 2012;
Certificato di disoccupazione per i richiedenti con reddito 0;
Situazione familiare sociale: risultante dalla relazione dell’Assistente sociale dell’Ambito Sociale Territoriale ;
Condizioni di salute: risultanti da certificazione dell’ASL Territoriale.
Le domande di ammissione verranno inserite in apposita graduatoria stilata secondo i seguenti criteri:
reddito piĂč basso: punti 5 (reddito 0); punti 3 (reddito fino ad €. 4.000); punti 2 (reddito fino ad €. 6.500)
invaliditĂ  al 100/% e/o L.104/92; – punti 2
minori a carico- punti 1 (un minore a carico); punti 2 (due minori a carico);
A parità di punteggio costituirà elemento di precedenza, la data di acquisizione della richiesta al protocollo dell’Ente. Al termine della fase istruttoria verrà redatta e resa pubblica una graduatoria con validità annuale.
La domanda di partecipazione ù disponibile presso l’ufficio Politica della Casa sito in via V.Bindi n.2, oppure scaricabile dal sitowww.comune.giulianova.te.it e potrà essere inviata per posta e/o consegnata a mano presso l’ufficio Protocollo dell’Ente, in Corso Garibaldi, dal 23 dicembre sino alle ore 12 del 31 gennaio 2014.
Nella domanda il richiedente, sotto la propria responsabilitĂ , dovrĂ  dichiarare ai sensi del D.P.R. n.445/00:
– cognome e nome, luogo e data di nascita, residenza, numero di codice fiscale, reddito I.S.E.E. dell’anno 2013 (redditi 2012) del nucleo familiare, nonchĂ© il recapito telefonico o eventuale altro recapito, per ulteriori informazioni.
Alla domanda dovranno essere allegati:
Attestazione I.S.E.E. anno 2013 (redditi 2012);
Fotocopia di un documento di riconoscimento in corso di validitĂ ;
Fotocopia del verbale di invaliditĂ  e/o L.104/92;
Fotocopia del certificato di disoccupazione;
L’ufficio Politica della casa sito in via V. Bindi n. 2 a Giulianova Alta, tel. 085/8024012 (e-mail: [email protected]), Ú a disposizione per qualsiasi chiarimento dal lunedĂŹ al venerdĂŹ dalle ore 12 alle 13,30 e il lunedĂŹ pomeriggio dalle ore 16 alle 18.
20 dicembre 2013