Sabato 27 ottobre presentazione al pubblico della restaurata opera di Emilio Vedova in Sala “Buozzi”.

 

Sabato 27 ottobre, alle ore 11, presentazione al pubblico, nella Sala conferenze “B. Buozzi” a Giulianova Alta, della restaurata opera di Emilio Vedova Scontro di situazioni, della quale esistono, oltre a quella collocata in Sala “Buozzi”, altri due esemplari presenti entrambi a Venezia, rispettivamente a Cà Foscari e nella sede della Fondazione Emilio e Annabianca Vedova a Dorsoduro.

Dopo i saluti del sindaco Francesco Mastromauro e del consigliere delegato al Centro storico Alessandro Giorgini, le esperte restauratrici Laura Baldini e Bruna Di Massimo Simonetti illustreranno caratteristiche e modalità degli interventi effettuati.

L’opera di Vedova (1919-2006), grande maestro dell’informale, tra i promotori, nel dopoguerra, del Fronte nuovo delle arti, quindi esponente del “Gruppo degli Otto”, venne rinvenuta nell’ottobre del 2009, nel più completo abbandono, dal consigliere Giorgini all’interno della Sala Buozzi in occasione di un sopralluogo prodromico all’avvio delle operazioni di recupero della parte interna dell’edificio. Donata al Comune dal pittore e incisore veneziano in occasione della rassegna d’arte “Agorà”, organizzata a Giulianova nei primi anni Ottanta, l’opera, una litoserigrafia di grande formato su carta da manifesto in sei pannelli, necessitava di una attenta opera di restauro per le pessime condizioni in cui versava. Viva soddisfazione per l’iniziativa dell’Amministrazione comunale è stata espressa dal prof. Fabrizio Gazzarri, direttore dell’archivio e collezione della Fondazione Emilio e Annabianca Vedova nonché docente all’Accademia di Brera, il quale, su invito del consigliere Giorgini era venuto appositamente a Giulianova nel luglio dello scorso anno per verificare l’autenticità e le condizioni dell’opera.

 

 

Domani al Kursaal inaugurazione del XV anno accademico dell’Università della Terza età.

 

Cerimonia di inaugurazione domani, giovedì 25 ottobre al Kursaal, con inizio alle ore 17, del XV anno accademico dell’Università della Terza età e del tempo libero.

Dopo i saluti delle autorità e del presidente dell’Uni Tre Emilia Meloni Formichella, il giornalista RAI Franco Farias interverrà relazionando sulla storia delle bande musicali in Abruzzo. A seguire, si avrà un momento musicale con la Ensamble degli Ottoni “Sketch in Brass quintet” (Jorge G. Ro tromba, Gianluca Ranalli tromba, Angelo M. Orsini corno, Salvatore Rossano trombone e Antonio Acciavatti tuba).

Le lezioni dell’Uni Tre, che si avvale del sostegno dell’Amministrazione comunale, Assessorato alle Politiche sociali, si terranno come di consueto presso la Scuola media “Bindi” di via Nievo, al Lido, ogni lunedì e giovedì dalle ore 16 alle 17 e verteranno su: letteratura italiana, tradizioni popolari, moda, medicina, storia, musica, fotografia e cinema, storia dell’arte e sociologia. Sono inoltre previste, nel corso dell’anno accademico, visite guidate, gite culturali e manifestazioni musicali. Le iscrizioni sono aperte a tutti, e non è richiesto alcun titolo di studio. Per informazioni e iscrizioni: Associazione “S. Liberovici” Onlus, tel. 085 – 800.34.24, cell. 333-64.37.275.